Kosher. not kosher

Cosa significa Kosher ?

Kosher come parola, che letteralmente significa “pulito” o “puro”, si riferisce al cibo che è stato preparato secondo le regole e i rituali ebraici in modo che possa essere mangiato dagli ebrei religiosi.

Il cibo kosher è essenzialmente cibo che non ha ingredienti non kosher secondo la legge ebraica. Ciò che rende qualcosa di kosher è che carne e prodotti lattiero-caseari non vengono mescolati insieme, i prodotti animali di animali non kosher (come maiale, crostacei e altri) non sono inclusi e qualsiasi carne di animali kosher viene macellata secondo la procedura corretta.

Ci sono una serie di altri requisiti che devono essere soddisfatti, sia nel processo di preparazione del cibo che in chi esegue il processo.

Poiché la “Torah” consente di mangiare solo animali che ruminano e hanno gli zoccoli fessi, la carne di maiale è vietata. Così sono crostacei, aragoste, ostriche, gamberi e vongole, perché l’Antico Testamento dice di mangiare solo pesce con pinne e squame. Un’altra regola vieta di mescolare latticini con carne o pollame.

Gli ebrei possono assicurarsi di mantenere il kosher acquistando prodotti certificati come kosher con un marchio chiamato hekhsher che di solito identifica il rabbino o il gruppo che ha certificato il prodotto.

Non tutti gli ebrei mantengono il kosher e i cibi kosher non sono solo per gli ebrei. Ad esempio, alcune bevande analcoliche sono kosher e le persone di tutte le origini e religioni le bevono.

Gli alimenti così certificati non sono “benedetti”. Piuttosto significa che il luogo in cui sono stati elaborati viene ispezionato per assicurarsi che gli standard kosher siano mantenuti. La carne kosher, ad esempio, deve essere macellata senza causare dolore all’animale, il che significa che la morte avviene quasi istantaneamente.

Kosher